…chi se li fa campa cent’anni.

….io devo smettere di andare al supermercato.

Perché c’è troppa gente, e nonostante questo non me ne sfugge uno, di soggettoni.

Stavolta ero ad un discount vicino a casa, quasi ora di chiusura, io ed altri tre o quattro clienti.

Una coppia con bambina nel passeggino. La bimba è bellissima, bionda, circa un anno: sbava un po’, credo stia mettendo i dentini.

La stazione radio in filodiffusione passa la versione rap di una canzone dei Pooh: sbigottisco nel vedere i due che interpretano e drammatizzano le strofe con grande enfasi, si sbracciano con quel modo di fare da gangsta, che già trovo abbastanza ridicolo per chi lo fa di mestiere, il rap; lui incrocia le braccia tipo mastrolindo, il tuo aiuto in cucina

mastrolindo1ip2-thumb

e si sposta bilanciandosi indietro, e poi allarga le braccia come a mostrare qualcosa, cantando -sì, siamo ancora fra gli scaffali di un discount- “un qualcosa di perfetto che poi è cambiato”, lei gli risponde saltellando da un piede all’altro “dammi solo un minuto un soffio di fiato un attimo ancora….” Io faccio finta di nulla, hai visto mai che è solo una tecnica per sfilarmi via la borsa, oppure è la loro canzone…e mi avvio alla cassa, con gli hamburger, una schiacciatina morbida e due confezioni di calzini fantasia.

Indovina chi arriva in coda dietro di me? Già, il cantagiro in formato famiglia.

Spingono avanti il passeggino e continuano a canticchiare, ma più composti.

il tempo di pagare ed insacchettare, dal rumore del lettore della cassa la loro spesa sta già passando sul nastro…mi giro per raccogliere il sacchetto posato a terra, e faccio in tempo a vedere che la bimba nel passeggino ha in mano una bottiglietta d’acqua, ed il tappino.

Come tutti i bimbi, porta tutto alla bocca, compreso il tappo di plastica celeste…lo infila in bocca e la chiude; i due sono ancora sul palco dell’Ariston, e io non camperò cent’anni: strattono il padre, più vicino al passeggino, e gli urlo tipo aquila

“TUA FIGLIA SI E’ MESSA IN BOCCA IL TAPPO DELLA BOTTIGLIAAAAA!”

Lui mi guarda, scocciato, d’altra parte ho interrotto la sua performance. E poi, in tutta tranquillità mi dice:

“…ma non lo mangia mica! Lo mastica e basta, sta mettendo i denti!”

Certo che, Cla… sei proprio un’esagerata, iperprotettiva e anche fuori luogo nonché superflua supereroina protettrice dei bambini, ANCHE DI QUELLI ALTRUI!…

…la tua è una OVERREACTION!

overreacting-cat

Ma stai tranquiiii! lo mastica e basta, non ti scaldare! Non ha fame, ha finito adesso il rognone e l’impepata di cozze ed ha digerito, dopo la grappa ha spettinato la mamma con un rutto fotonico! No?

Nella mia visione da psicopatica sfilo con mossa fulminea la bambina dal passeggino, stendo con un calcio volante il padre, volo via tipo Hancock, non Superman perché non sono ancora molto pratica nel volare via.

Nella triste realtà, sorrido alla bimba, do di cretino al padre e un’occhiataccia velenosa alla madre.

Non era nemmeno plastica biodegradabile.

E poi PERDIO, cambiate canzone.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...